Erasmus+

ERASMUS+ è il programma Europeo per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport, per il periodo 2021-2027.

Tra gli obiettivi del programma vi è quello di "promuovere la mobilità degli individui e dei gruppi a fini di apprendimento e la collaborazione, la qualità, l'inclusione e l'equità, l'eccellenza, la creatività e l'innovazione al livello delle organizzazioni e delle politiche nel campo dell'istruzione e della formazione".

Il sito ufficiale di riferimento dove reperire le informazioni sulle opportunità offerte dal programma ERASMUS+ è il portale ERASMUS di Ateneo.


Studenti in uscita

Studiare all'estero è un'esperienza unica ed altamente formativa. A molti studenti cambia la vita, aiutandoli ad aprire gli occhi ad altri modi di vivere, a comprendere culture diverse e imparare altre lingue e dando un impulso significativo al loro sviluppo personale, accademico e professionale.

Il principio di uno scambio Erasmus è la sostituzione di una parte dei crediti formativi del proprio piano di studi con crediti conseguiti all'estero. Il riconoscimento degli studi effettuati all'estero avviene sulla base di un learning agreement tra lo studente, l'Università Federico II e l'Università ospitante. Il riconoscimento dei risultati conseguiti, documentati tramite un transcript of records dell'Università opsitante, è garantito.

Quali sono i passi burocratici di uno scambio Erasmus?

  1. Lo studente fa domanda come indicato nel bando.
  2. La commissione Erasmus del Dipartimento seleziona gli studenti in base alla carriera, alle motivazioni ed alle conoscenze linguistiche.
  3. Lo studente vincitore deve accettare la borsa e la destinazione entro il termine previsto nel bando.
  4. Lo studente vincitore prepara e compila l'Online Learning Agreement (OLA).
  5. L'OLA è approvato dall'Università Federico II e dall'Università partner.
  6. Prima della partenza, lo studente vincitore sottoscrive il contratto Erasmus e documenta il livello delle conoscenze linguistiche richieste.
  7. Al termine del periodo di studi all'estero l'Università ospitante rilascia allo studente un attestato (transcript of records).

A che cosa bisogna fare attenzione?

  1. Pianificazione: 
    È importante che lo studente interessato a trascorrere un periodo di studio, svolgere la tesi o un tirocinio all'estero si informi sulle opportunità che corrispondono ai suoi interessi, alle sue preferenze e capacità linguistiche e allo stato della sua carriera accademica. Partendo dalla lista dei scambi attivi, utili fonti di informazioni sono le pagine web dei Atenei partner, i docenti referenti dei singoli scambi oppure gli studenti che hanno usufruito in precedenza di uno scambio. Queste informazioni sono essenziali per la scelta delle destinazioni preferite che lo studente dovrà indicare nella sua domanda.
     
  2. Bando:
    I bandi Erasmus sono pubblicati sul portale ERASMUS di Ateneo. Ci sono bandi diversi per l'Erasmus ai fini di studio o tesi (pubblicato tipicamente a metà febbraio con scadenza a marzo) e l'Erasmus per tirocini (pubblicato tipicamente a inizio maggio con scadenza a giugno). Per conoscere meglio come funziona, prima della pubblicazione del bando si può consultare il bando dell'anno precedente. Bisogna tenere d'occhio il portale e fare domanda appena esce il bando.
     
  3. Requisiti della sede estera
    Benché i nominativi dei vincitori che hanno accettato la borsa e la destinazione saranno trasmessi dall'Ufficio Relazioni Internazionali alle Università partner, resta comunque responsabilità dei vincitori informarsi sugli adempimenti amministrativi da compiere e sugli requisiti specifici previsti dalle sedi estere. Qualora non osservati, lo studente potrebbe incorrere nel rischio di non essere accettato dalla sede partner.
     
  4. Preparazione del Learning Agreement
    Nell'OLA sono indicati i corsi che lo studente intende seguire all'estero. In fase di preparazione dell'OLA è indispensabile consultarsi con il referente dello scambio, ed eventualmente con il delegato Erasmus ed il coordinatore del Corso di Studi, perché l'OLA sarà solo approvato se i corsi scelti riguardano argomenti adatti ad un curriculum di studi in Fisica e se il nuovo piano di studi non esclude contenuti ritenuti essenziali ai fini di una Laurea in Fisica.
     
  5. Conoscenze linguistiche
    È indispensabile che lo studente vincitore di borsa abbia una buona conoscenza della lingua straniera nella quale saranno tenuti i corsi presso l'università ospitante. La documentazione del livello di conoscenza può avvenire tramite certificato (ad esempio, IELTS, TRINITY, TOEFL, DELF, DELE, ZD, ZDfB) oppure tramite attestato di livello rilasciato dal CLA. Per maggiori informazioni consultare il bando oppure il portale ERASMUS di Ateneo.
     
  6. Contributo finanziario
    La borsa Erasmus consiste in un contributo finanziario mensile che dipende dal paese di destinazione e dalla condizione economica dello studente. Per avere un'idea dell'ammontare della borsa vedi gli importi per l'a.a. 2021/2022. Certamente non basterà per coprire tutti i costi di vita. Taluni paesi o Università estere possono fornire un'integrazione alla borsa per gli studenti incoming; per informazioni è bene chiedere ai referenti dei singoli scambi.
     
  7. Requisito minimo per avere diritto alla borsa di studio
    Lo studente per avere diritto alla borsa di studio dovrà aver superato/compiuto almeno una delle attività previste nel learning agreement (esami, tirocinio, lavoro di tesi) per ogni semestre trascorso all'estero. In caso contrario dovrà restituire l'intera borsa di studio se già percepita. Farà fede quanto indicato nel transcript of records o in alternativa per il tirocinio ed il lavoro di tesi quanto attestato dal docente che avrà seguito le attività svolte dallo studente.

Persone di riferimento

  • Per questioni generali sul programma: Prof. Wolfgang Mueck – Delegato Erasmus di Dipartimento;
  • Per questioni relative al riconoscimento dei crediti acquisiti all'estero o all'equivalenza degli esami: i Coordinatori dei CdS;
  • Per informazioni relative agli Istituti, Università o imprese presso le quali lo studente intende recarsi: i docenti referenti dei singoli scambi;
  • Per problemi amministrativi legate al bando o alla firma del contratto: Dott. Salvatore Verdoliva – Amministrazione del Dipartimento di Fisica.

Studenti in ingresso

Il Dipartimento di Fisica offre i seguenti corsi di studio in Fisica:

Per informazioni generali vedi Erasmus and Exchange students.

contatto: Prof. Wolfgang Mueck (Delegato Erasmus del Dipartimento)